Rosella Prezzo

emailButton (1) Mail:  rosella.prezzo(chiocciola)aspasiadimileto.org

Autrice di numerose opere e curatrice di alcune delle più importanti opere di Maria Zambrano (del pensiero della quale è stata tra i primi a rendersi promotrice e divulgatrice). Redattrice della rivista Aut-aut, ha collaborato con numerose riviste (tra cui Lapis, il segnale, Servitium), e contribuito a molte opere collettive; ha svolto le proprie ricerche e la propria attività didattica presso l’Università Statale di Milano, l’Istituto Nazionale di Storia per il Movimento di Liberazione in Italia e la Libera Università delle Donne di Milano. Ha costituito con altre “Aspasia”, Associazione di Filosofia di Trasformazione che si occupa di numerosi progetti di formazione permanente filosofica ed esperienziale per diverse professioni. Attualmente collabora con il Master di II livello “Filosofia come via di trasformazione” presso l’Università di Verona.

Il suo percorso di riflessione privilegia un approccio “di confine” e confronto continuo, che colloca il pensiero filosofico in rapporto ad altre discipline (come psicoanalisi, antropologia, letteratura) e si articola principalmente sui temi delle “esperienze della soggettività”, sulla relazione tra identità e alterità e sui rapporti uomo-donna; inoltre, Rosella Prezzo ha lavorato sul riso e l’ironia, il “lato comico della conoscenza”, come forme atte a sciogliere modalità irrigidite del pensiero e a cogliere prospettive inaspettate e insospettate (Ridere la verità, Cortina, 1994). Infine, Rosella Prezzo si è dedicata molto all’importanza dell’analisi dell’immaginario, individuale e culturale nella sua relazione con gli schemi mentali e comportamentali dell’individuo, sia nella sfera pubblica che nel suo privato.

Bibliografia

  • Veli d’Occidente, Mondadori, Milano 2008.

C’è una complessa costellazione di senso, significati, metafore e immagini che ruota attorno a uno stesso nucleo: il “velo”. Nelle pratiche discorsive, nell’immaginario e nell’iconografia della nostra cultura, il velo, così come il gesto del velare o dello svelamento, è stato associato sia al sacro sia al profano. Esso è al centro di un complesso gioco di rimandi che rinvia alternativamente al vedere-attraverso, al baluginio dell’intravedere, ma anche all’oscurità dell’enigma in cui si cela e si custodisce il mistero; alla nudità della verità svelata e alle apparenze ingannevoli; al desiderio di possesso e alla distanza; alla purezza e all’erotismo; ai canoni tanto del pudore quanto della seduzione femminili; alla sacralità e alla profanazione. Richiama infatti la violenza sull’altro, ma anche la venerazione nei suoi confronti. Il velo spesso ha tenuto insieme, in un doppio vincolo, nel loro contrapporsi ma anche nel loro reciproco e intimo rimando, il senso antico della Verità, come velamento-svelamento e oggetto del desiderio del sapere, e il Femminile, costruzione di genere e luogo immaginario di ogni ambivalenza.

  • Pensare in un’altra luce. L’opera aperta di Maria Zambrano, Cortina Raffaello, Milano 2006.

In quale luce si pensa? È da questa inedita questione che il libro prende le mosse per inoltrarsi nell'”opera aperta” di María Zambrano, una delle personalità più innovatrici della riflessione contemporanea, messa qui a confronto con autori come Husserl, Heidegger, Arendt, Lévinas, Freud. Al di là di letture puramente estetizzanti, che ne hanno ignorato la “ragion pratica”, l’autrice ne evidenzia i molteplici fili di una trama etica e politica, psicologica e antropologica, in una riflessione che assume quali forme di sapere pratico l’ironia e la pietà.

  • America e Medio Oriente: luoghi del nostro immaginario, con P. Redaelli, Bruno Mondadori, Milano 2002

In queste pagine vengono analizzate, in un’inedita prospettiva, le immagini relative al Nuovo mondo e quelle concernenti le sponde orientali del Mediterraneo. Per sviluppare i due filoni di indagine, le autrici hanno scelto di seguire la via di queste due aree del mondo, convinte tuttavia che sarebbe riduttivo ricercare unicamente nella storia la spiegazione dell’origine del variegato corpus di immagine che, tra l’altro, si ripresenta nell’universo mentale europeo con gli stessi tratti in contesti storico-culturali che sembrerebbero completamente mutati.

  • Filosofia ritratti corrispondenze. Hannah Arendt Simone Weil Edith Stein Maria Zambrano (con L. Boella, R. De Monticelli, M. C. Sala, a cura di Francesca De Vecchi) Tre Lune Edizioni, 2001
  • Delirio e Destino, Cortina, Milano 2000.
  • La tomba di Antigone, La Tartaruga, Milano 1996.
  • Verso un sapere dell’anima, Cortina, Milano 1997.
  • Ridere la verità. Filosofia e scena comica, Cortina, Milano 1994.

In questa raccolta di scritti, firmati da alcuni grandi della filosofia e della letteratura, il tema del riso passa dalla zona marginale alla quale è sempre stato relegato a una centrale dell’indagine filosofica. In primo piano è il legame ridere-pensare, alla luce del quale vengono messe in forse la presunta compattezza e purezza del discorso filosofico, così come la “posa” del filosofo: che ne è, infatti, della filosofia quando, colmata la misura, essa arriva a ridere di se stessa?

Saggi e Articoli dell’autrice

  • L’origine condivisa, aut aut 2011.
  • Metafore prese alla lettera, in María Zambrano, in fedeltà alla parola vivente, a cura di Chiara Zamboni, Alinea, Firenze 2002, pp.35-44
  • Una pensatrice in esilio (con L. Boella), in Aut aut, (279), 1997, pp. 3-4
  • Il cominciamento, in María Zambrano, Verso un sapere dell’anima, a cura di Rosella Prezzo, Raffaello Cortina Editore, 1996, pp.VII-XXIV
  • L’origine eterogenea in Lapis, n. 31, set. 1996, pp. 3-6
  • Esercizi spirituali e volontà di potenza in Lapis, n. 23, set. 1994, pp. 3-5
  • Sui generis, in Lapis, n. 7, mar. 1990, pp. 73-75
  • La filosofia con la faccia di Medusa in Lapis, n. 5, set. 1989, pp. 3-5

Link dove compaiono articoli, testi, interventi dell’autrice

Maria Zambrano. Una penombra toccata di allegria – contributo online -http://www.comune.roma.it/repository/ContentManagement/information/P690089777/Rosella%20Prezzo%20l%27allegria.pdf

Pensare in un’altra luce l’opera di Maria Zambrano – Intervista a Rosella Prezzo -http://www.casadellacultura.it/site/discussione/2007-01-22_rossella_prezzo.html

La seconda guerra mondiale sul filo della memoria. Memoria e soggettività rammemorante – Articolo online -http://www.storia900bivc.it/pagine/editoria/prezzo193.html

Link

http://www.aspasiadimileto.org/index.php?option=com_content&view=category&id=7&Itemid=10

Scheda curata da Federica Castelli e Valeria Mercandino

Federica Castelli
Federica Castelli

Federica Castelli ha conseguito un Dottorato di ricerca presso l'Università di Modena e Reggio Emilia ed è stata assegnista di ricerca in Filosofia Politica presso l'Università Roma Tre, visiting researcher presso l'EHESS e l'Université Paris VII (...) Maggiori informazioni

Valeria Mercandino
Valeria Mercandino

Valeria Mercandino ha studiato Scienze Filosofiche a Roma Tre e si è laureata con una tesi sulla pratica politica dell’autocoscienza in Italia. È dottoranda di Filosofia politica presso l’Università degli studi di Verona e sta lavorando al con (...) Maggiori informazioni