Roberta Paoletti, Federica Castelli (a cura di) – “Facciamolo ancora, ma partiamo da noi. Sessualità, corpi, relazione politica”, Zero Violenza Donne, settembre 2011

La riflessione sulla sessualità nasce da un desiderio di rimettere in circolo tra di noi un sapere sul corpo e sulla sessualità stessa che fosse fatto delle nostre esperienze. Abbiamo sentito la necessità di riprendere il discorso, allontanandoci dal già detto ogni qual volta questo non avesse riscontro nelle nostre vite. E’ per questo che siamo tornate su un argomento su cui il femminismo ha detto molto, ha fatto molto, ma che negli ultimi anni era lentamente andato sottotraccia. Da un lato sentivamo una continuità con il femminismo degli anni Settanta, rispetto alle pratiche e ad alcuni contenuti del discorso sulla sessualità. Dall’altro alcuni argomenti, modi ed esperienze sono differenti per noi oggi, e ci siamo trovate nella condizione di non avere più parole per raccontarci.
Cosa è rimasto di quel sapere e di quelle lotte nel discorso comune?
«La perdita di parola sulla sessualità si è affiancata per noi ad una assenza di parola: quella dell’educazione sulla sessualità in famiglia, come inibizione tra genitori e figli-e rispetto al tema del piacere sessuale, e come approccio esclusivamente eterosessuale».(DWF II, p. 19)
Quel che manca, ci siamo rese conto, non è solo un’educazione sessuale ma un’educazione al corpo. Cresciamo nella sensazione o nella convinzione che il nostro corpo sia solo un accidente, gestibile e inquadrabile dalla mente, e la fatica sta nel decostruire questa convinzione.

Possiamo dire che questo è stato l’unico confronto con l’immaginario ricevuto che abbiamo sentito la necessità di percorrere, mentre non ci siamo confrontate su quelle discrepanze, che pure abbiamo rintracciato, tra noi e i modelli circolanti sulla sessualità femminile, come se quel discorso non dicesse nulla in realtà che poteva interloquire con la vita reale dei nostri corpi. Dall’abisso tra il discorso circolante sui nostri corpi, di donne e di uomini, e le esperienze vissute, non appena aperto il discorso ci siamo trovate – non senza fatica – nella realtà delle nostre esperienze e nella materialità dei nostri corpi. Leggi tutto…

(Zero Violenza Donne, 27 settembre 2011)
Roberta Paoletti
Roberta Paoletti

Roberta Paoletti (1982) è dottoressa di ricerca in Filosofia e Teoria delle arti presso l’Università di Palermo con una tesi sul senso del tatto come fondamento dei rapporti politici. E' redattrice della storica rivista femminista romana DWF. A (...) Maggiori informazioni

Federica Castelli
Federica Castelli

Federica Castelli ha conseguito un Dottorato di ricerca presso l'Università di Modena e Reggio Emilia ed è assegnista di ricerca in Filosofia Politica presso l'Università Roma Tre. È stata visiting researcher presso l'EHESS e l'Université Paris (...) Maggiori informazioni